Lunedì Teatrali

I Lunedì Teatrali del LatoB sono un progetto per rendere il teatro accessibile a tutti, per riavvicinare al teatro chi non è appassionato e per dare spazio ad attori e compagnie emergenti.

Abbiamo bisogno di un teatro
capace di farci scoprire l’altro lato delle cose.
Indipendente. Accessibile. Impegnato. Coinvolgente.

Ingresso gratuito con Biglietto al Contrario, con tessera ARCI, prenotazione consigliata.
Uno spettacolo ogni due lunedì, alle 21.00 .

Call for Actors

Cerchiamo proposte da inserire nella rassegna dei Lunedì Teatrali. Siamo interessati a spettacoli di interpretazione, di narrazione, di teatro civile, di burattini o marionette… insomma spettacoli di ogni genere e tipo. Questi si terranno due lunedì al mese alle ore 21.00 all’interno del nostro circolo (Viale Pasubio, 14, Milano) o all’aperto presso i Giardini Comunitari Lea Garofalo (compatibilmente con le esigenze degli spettacoli e con le condizioni meteorologiche) a partire indicativamente da metà ottobre 2021.

La rassegna ha lo scopo di riavvicinare il pubblico giovane al teatro e all’arte in senso lato, e al contempo di dare spazio ad artistə al di fuori dei principali circuiti teatrali.

Per chi non conoscesse lo spazio anticipiamo che non si tratta di un teatro vero e proprio (per dettagli consultare la scheda tecnica disponibile tramite link sottostante), tuttavia l’associazione è pienamente consapevole della situazione dellə lavoratorə dello spettacolo e mira a garantire una retribuzione minima dignitosa alle compagnie, a seconda anche delle disponibilità economiche provenienti da bandi e raccolte fondi.
Parallelamente il Circolo Lato B offre la disponibilità gratuita della sala per brevi periodi di prove alle compagnie partecipanti alla rassegna che ne faranno richiesta (anche per spettacoli non inclusi nella rassegna stessa), compatibilmente con le attività dell’Associazione.

La rassegna dei Lunedi Teatrali è stata pensata ad ingresso a offerta libera per riavvicinare i giovani al teatro. La modalità in cui esso si declina è quella del “Biglietto al contrario”: agli spettatori viene dato un biglietto all’ingresso sul cui retro viene spiegata la logica dell’iniziativa, ovvero unire le due opposte esigenze di offrire arte di qualità abbattendo le barriere economico-culturali ed al tempo stesso retribuire secondo le proprie disponibilità ciò che consideriamo a tutti gli effetti un Lavoro.

Nonostante le prospettive di evoluzione della situazione pandemica siano ormai abbastanza delineate, l’organizzazione della rassegna potrà subire variazioni più o meno grandi. Ci cureremo in tal caso di aggiornarvi per tempo.

REGOLE CALL

È possibile presentare una sola proposta per ogni compagnia. Nel caso in cui ricevessimo più proposte da una sola compagnia sarà tenuta in considerazione l’ultima proposta inviata.
E’ possibile presentare spettacoli diversi con un attore presente in entrambi, a patto che i due spettacoli siano realizzati da due compagnie distinte. Lo stesso criterio si applica a tutti i ruoli. Ad esempio è possibile presentare due proposte con stesso regista a patto che le due compagnie siano diverse.

Le proposte vanno necessariamente inviate tramite questo form. Le proposte che arriveranno tramite altri canali non saranno prese in considerazione.

SCADENZA

Le proposte andranno inviate entro e non oltre le ore 23:50 di DOMENICA 4 LUGLIO. Fa fede l’ora di invio tracciata dal modulo stesso (generata una volta compilato tutto il modulo e cliccato il pulsante “invia”).

LINK SCHEDA TECNICA LATOB
http://www.latobmilano.it/wp-content/uploads/2019/05/scheda-tecnica-LATOB.pdf

DOMANDE O PROBLEMI

Per qualsiasi chiarimento relativo alla call o per problemi di compilazione del form potete contattarci alla mail: teatro@latobmilano.it
Vi preghiamo di non inviare le proposte via mail, vi ricordiamo che non saranno prese in considerazione.



Biglietto al Contrario

Con il “biglietto al contrario” è lo spettatore che decide, una volta visto lo spettacolo, di pagare ciò che considera opportuno e giusto, tenendo in conto le proprie disponibilità economiche. È un invito a considerare i costi e il lavoro che la produzione e la presentazione di una performance teatrale presenta.

Nonostante crediamo che la responsabilità di remunerare ciò che è a tutti gli effetti un lavoro debba essere collettiva, la contingenza chiede che parte di questa responsabilità ricada solo sul pubblico fruitore. Attualmente questa è anzi l’unica fonte di retribuzione che possiamo offrire alla compagnie che presentano il proprio lavoro nel nostro spazio.

Allo spettatore non verrà quindi chiesto di pagare l’ingresso, ma di lasciare il proprio contributo al termine della rappresentazione considerando:

1 – la qualità del lavoro proposto;
2 – la quantità di lavoro che, secondo lui, la compagnia ha impiegato per creare lo spettacolo o la performance;
3 – le proprie possibilità economiche;

Istruzioni per il pubblico:

1 – All’ingresso viene dato a ciascuno un biglietto simbolico.

2 – All’uscita si restituisce il biglietto versando la somma che si considera più adatta.

3 – I contributi raccolti andranno interamente alla compagnia che si è esibita.

Siamo certi che vedrai il “biglietto al contrario” come un’opportunità per dare valore alla proposta artistica che ti offriamo. Saprai sicuramente adattarlo alla tua situazione economica.
Il nostro desiderio è quello di riformulare la fruizione della cultura, di adattare la nostra offerta a tutti i portafogli e creare una comunicazione diretta tra spettatore e artista.