C’è un’altro lato delle cose, che difficilmente compare sui giornali. Chi ha occhi per guardarsi attorno se ne può accorgere. Ma bisogna avere coraggio per cambiare punto di vista. È questo il progetto che dal 2002 a oggi ha ispirato il LATO B, quel laboratorio di socialità fuori dalle dinamiche di mercificazione che troppo spesso sembrano rappresentare questa città.

Circolo Lato B - l'altro lato di Milano

Il circolo Lato B, gestito dall’Associazione Culturale “La Freccia”, nasce nel 2002 dall’esperienza maturata da un gruppo di giovani provenienti dall’associazionismo studentesco, in particolare, dall’Unione degli Studenti.

Promuoviamo attività di solidarietà sociale nell’ambito dell’istruzione, della formazione e promozione della cultura e dell’arte; iniziative e attività volte alla tutela e promozione dei diritti civili, in particolare delle categorie svantaggiate per censo, istruzione, condizioni fisiche; e una cultura della solidarietà e del rispetto dell’ambiente nella valorizzazione della memoria storica.

Il circolo Lato B di Milano

Il Circolo si caratterizza come uno spazio aperto e multifunzionale, vi si tengono corsi e iniziative culturale, sociali e politiche. Le attività puntano da una parte a garantire l’indipendenza e la sostenibilità economica dell’associazioneche è portata avanti da un gruppo di attivisti giovani, tutti volontari; dall’altra a puntano a perseguire gli scopi stessi dell’associazione.

Ogni aspetto della vita di circolo presta una grande attenzione sia all’aspetto della sostenibilità (economica, ma anche umana) che della democrazia. È infatti la partecipazione il cardine fondamentale che determina ogni scelta del Circolo. Ci sono sia luoghi formali, quali l’Assemblea dei Soci e il Direttivo, che hanno l’uno il massimo potere di indirizzo dell’associazione, l’altro il mandato e la responsabilità di portare avanti quell’indirizzo. Ma esistono altre forme attraverso le quali è possibile partecipare: l’Assemblea di Circolo, in cui partecipano tutti gli attivisti, e i Gruppi tematici che si occupano di gestione, comunicazione, e attività sociali.

Inoltre il Lato B è in stretta relazione con la Rete della Conoscenza di Milano, network dei soggetti in formazione; in maniera speculare fanno parte dell’Assemblea di Circolo le associazioni studentesche di cui fanno parte gli attivisti del circolo: la ReC stessa, Studenti Indipendenti, l’Unione degli Studenti di Milano e il Presidio giovanile di Libera Contro le Mafie “Lea Garofalo”.

L’altro lato delle cose

Il LATO B è sempre imperfetto, perché sempre in trasformazione, perché sempre diverse le persone che lo attraversano, e che lo vivono. E non può essere che così perché è innanzitutto lo spazio del protagonismo dei giovani e degli studenti. Persone che spesso vivono un diritto alla cittadinanza di serie b, perché escluse dai meccanismi di governance e dalla politica della città e del Paese.

Per quegli studenti che non hanno potuto organizzare attività pomeridiane autogestite nelle loro scuole perché hanno tagliato i fondi; per quegli universitari che vorrebbero un posto dove studiare; per quei giovani che continuano a vivere nella precarietà; per tutti quelli che cercano spazi dove creare, inventare e sperimentare idee e pratiche fuori da schemi e logiche di profitto e mercificazione; per chi necessita di uno spazio di democrazia studentesca dove mettersi in gioco, il Lato B è anche questo, saper prestare orecchio ad armonie nascoste.

Diventa così, dopo anni di attività dal 2002, di aggregazione multiforme, lo spazio di tutte e di tutti, con una programmazione ogni volta diversa, dal concerto alle proiezioni, da presentazioni di libri, alle serate animate dai giochi da tavolo, è il luogo nel quale si prova a dar vita ad una socialità diversa, un altro modo di vivere la città, il Lato B è un volto della Milano che resiste ai trend e alle mode, tiene strette le sue abitudini per accogliere ogni volta chi è pronto ad entrare in quella storia che ha reso il Circolo, prima in XXIV Maggio e ora in Viale Pasubio, il posto che è.

Riuscire a cogliere l’altro lato delle cose è proprio avere il coraggio di investire in un progetto che parla di democrazia, di creatività, dove ognuno deve munirsi di idee.


Il Comitato Direttivo dell’Associazione è così composto:

Andrea Locatelli, presidente
Eleonora Rossi, vicepresidente
Martino Zanetti
Serena Vitucci
Matilde Villa

Leggi lo Statuto dell’associazione La Freccia – circolo Lato B

LEAVE A REPLY

You must be logged in to post a comment.