25/11 Martin Luther King la diceva meglio // Lunedì Teatrali

I Lunedì Teatrali del LatoB sono un progetto per rendere il teatro accessibile a tutti, per riavvicinare al teatro chi non è appassionato e per dare spazio ad attori e compagnie emergenti.
Abbiamo bisogno di un teatro capace di farci scoprire l’altro lato delle cose.
Indipendente. Accessibile. Impegnato. Coinvolgente.
Più info su http://www.latobmilano.it/lunedi-teatrali/

Martin Luther King la diceva meglio

Di e con Christian Gallucci
Prodotto da Residenza artistica Teatro di Antella/Archetipo Ac
Vincitore festival visioni Shakespeariane

Io ho un sogno, ma non so come dirlo. I have a dream? Martin Luther King la diceva meglio.

Il racconto di un giovane attore che sogna di mettere in scena Amleto – tra intuizioni sceniche irrealizzabili, invettive contro la mancanza di mezzi e il desiderio di modernizzare il grande classico di Shakespeare – diventa il pretesto per riflettere in maniera leggera ma toccante sulla condizione dell’artista e sulla generazione dei trentenni che ancora non si arrende pur non sapendo se riuscirà a realizzarli, i propri sogni.

Il progetto

Trent’anni è l’età giusta per fare i primi bilanci; guardarsi indietro, capire cosa è andato bene e cosa no; riflettere sulla propria posizione, sull’amore e il lavoro; progettare, credendo che il tempo a disposizione sia ancora molto; cominciare a diventare nostalgici e partecipare a serate di revival anni ’90.
Trent’anni è anche l’età in cui i sogni diventano più concreti, pur rimanendo intrisi di una certa dose di fantasia.

Da poco passati i trent’anni dunque, ho preso a registrare dei discorsi su alcune cose curiose che mi accadevano nell’ambito del mio lavoro. Col tempo aggiungevo commenti e idee. A un certo punto ho capito che le tematiche di cui mi parlavo e il fatto stesso di raccontare di teatro potevano essere direttamente collegate a un testo che amo e che conosco molto bene, per averlo affrontato in diverse fasi della mia vita d’attore.
Ho cominciato in questo modo a elaborare una drammaturgia che avesse come focus il sogno di mettere in scena l’Amleto.
Martin Luther King la diceva meglio è quindi un discorso sul sogno. Quell’io ho un sogno, I have a dream, incipit del celebre discorso, si fa reiterazione e, in bocca a un artista trentenne confuso e spaesato dall’immediato futuro, diventa pretesto per raccontare e chiedersi come possa essere possibile che la nostra generazione ancora non si sia arresa pur non sapendo se riuscirà a realizzarli, i propri sogni.

All’interno di una cornice meteateatrale, e in diretto dialogo con il proprio tecnico, una sorta di Orazio che lo segue silente suonando e illuminando la scena, un “giovane attore” racconta del proprio sogno di mettere in scena l’Amleto. Le fasi e i personaggi del racconto Shakespeariano vengono attraversati e utilizzati come espediente per raccontare la vita faticosa dell’ attore con i sogni e le aspettative che si scontrano con una realtà fatta di lavori duri e ritagli di tempo, intuizioni sceniche irrealizzabili e invettive contro la mancanza di mezzi.

Quell’ Essere o non essere, che infine incombe su qualsiasi messa in scena dell’Amleto, punta questa volta sull’insistere, e quindi sull’ “essere” mettendo da parte, nascondendo – forse soltanto sotto il tappeto – il “non essere” che rimane comunque lì, visibile, ad ammonirci che resistiamo solo perché, per dirla con le parole di Shakespeare, non sappiamo quali sogni possano assalirci una volta sdipanati dal groviglio mortale.

E Martin Luther King che c’entra? Niente, ma se fosse stato al mio posto sicuramente il suo sogno l’avrebbe raccontato meglio.

Christian Gallucci

Mi sono formato presso il Centro Studio Attori di Milano diretto da Irina Galli e Alessandro del Bianco.
La mia formazione prosegue con stage condotti da maestri della scena italiana e internazionale quali: Jan Ferslev e Augusto Omolù (Odin Teatret), Michael Margotta, Yuri Kordonsky, Nikolaj Karpov, Roberto Lun, Cesar Brie, Michele Bottini.
Negli anni ho lavorato come attore all’interno di diverse produzioni teatrali in Italia, collaborando con: Teatro Stabile d’Abruzzo, Assemblea teatro Torino, Teatro della Gioventù Genova, Teatro alle Vigne Lodi.
Nel 2015 insieme ad Anna Sala sono fondatore della compagnia Coperte Strette.
Martin Luther King la diceva meglio è spettacolo vincitore del premio Visioni Shakespeariane e prodotto da Teatro Comunale di Antella/Archetipo AC.


Info utili

Prenotazione

La prenotazione è fortemente consigliata!
Effettuando la prenotazione ci aiuti a prevedere l’afflusso di pubblico e ad allestire di conseguenza la sala. Ti preghiamo di spendere 2 minuti per aiutarci a gestire meglio il pubblico durante la serata!

Compila il form online a questo link >> https://goo.gl/forms/Fntk5wDjg5pFiFfv2

Se hai prenotato ma per un imprevisto non puoi venire alla serata, avvisaci via facebook, instagram, via mail o telefonandoci, te ne saremo grati.

Biglietto al contrario

Allo spettatore verrà quindi chiesto di pagare l’ingresso, ma di lasciare il proprio contributo al termine della rappresentazione considerando:
1. la qualità del lavoro proposto;
2. la quantità di lavoro che, secondo lui, la compagnia ha impiegato per creare lo spettacolo o la performance;
3. le proprie possibilità economiche;

Istruzioni per il pubblico:
– All’ingresso viene dato a ciascuno un biglietto simbolico.
– All’uscita si restituisce il biglietto versando la somma che si considera più adatta.

I contributi raccolti andranno interamente alla compagnia.

Per una spiegazione completa sulle motivazioni per cui abbiamo inserito il biglietto al contrario vai a questo link.

Tessera ARCI

Da quest’anno per l’ingresso nel circolo è necessaria la tessera ARCI, che si può richiedere compilando il modulo online al seguente link ➔ www.tessera.latobmilano.it/

Il costo della tessera è di 10€ (5€ per gli under 18), il suo ritiro avverrà prima della serata e vi consentirà di accedere a tutte le attività dell’associazione e di usufruire dei beni della stessa fino alla fine dell’anno sociale (30 Settembre 2020).

LEAVE A REPLY

You must be logged in to post a comment.