19/6 Il racconto di Raskolnikov // Lunedì Teatrali Lato B

Share
I Lunedì Teatrali del LatoB sono un progetto per rendere il teatro accessibile a tutti, per riavvicinare al teatro chi non è appassionato e per dare spazio ad attori e compagnie emergenti.
Abbiamo bisogno di un teatro
capace di farci scoprire l’altro lato delle cose.
Indipendente. Accessibile. Impegnato. Coinvolgente.

Associazione Studio Novecento  Compagnia Giovani presenta:

IL RACCONTO DI RASKOLNIKOV

Uno studio su Delitto e Castigo

Perché tornare a lavorare su Delitto e Castigo? Perché raccontarne di nuovo la vicenda?
Innanzitutto proprio per raccontare la storia. Una storia semplice del tutto lineare eppure tortuosa misteriosa e per certi versi insondabile o che perlomeno come tutti i classici “non ha mai finito di dire ciò che ha da dire”.

E allora questa storia cos’ha da dire a noi oggi? È sorprendente come in molte affermazioni di Raskolnikov possiamo riconoscerci. Ma anche nel lento ragionare dell’Inquisitore nell’avidità della vecchia usuraia nella fragilità della madre di Raskolnikov e persino nei personaggi minori: quanti di noi si sentono o si sono sentiti lo Svidrigailov superficiale e dongiovannesco che alla fine non trova altra soluzione alla sua vita inconsistente che il suicidio? Lui è il vero alter ego di Raskolnikov. Lui che forse di delitti non ne ha commessi -e anche la morte della moglie che gli viene imputata non è colpa sua almeno non nel modo diretto e responsabile che prevedono le leggi- lui che seduce ragazze lui che mangia beve gozzoviglia lui che -come diremmo oggi- fa surf sulla vita lui è il contrario del pensoso pesante contraddittorio insopportabile e così umano Raskolnikov.

È nel suo incessante interrogarsi nel suo perdersi nei suoi pensieri tortuosi e spesso sbagliati nel suo annaspare tra la fredda razionalità e l’empatia la solidarietà umana dovuta anche ai mediocri e ai pessimi come l’usuraia che possiamo riconoscerci.
Noi non uccidiamo forse ma ci tormentiamo allo stesso modo.
Ma il tormento di Raskolnikov non è solo un tormento intellettuale: è anche la rabbia per l’ingiustizia per una condizione di subalternità vissuta come un destino ineluttabile per una vita che scorre vuota condizionata dalla mancanza di mezzi che impedisce un pieno sviluppo della sua umanità.
Ancora una volta ci balza agli occhi il parallelo con il nostro tempo dissennato con la nostra crisi epocale che getta ai margini fasce sempre più larghe di popolazione e di giovani soprattutto.
Quindi Delitto e Castigo misteriosamente parla di noi e ci mette di fronte impietosamente e senza consolazione alla nostra condizione attuale. Infine la rabbia di Raskolnikov ci parla anche di tutte le motivazioni invisibili e irrazionali che condizionano la nostra vita quotidiana e cui spesso non sappia far fronte se non cercandone uno sfogo immediato.

Per tutto questo Delitto e Castigo oggi può diventare una guida dei perplessi e indicarci un cammino possibile per riscattare la nostra vita in questo tempo oscuro in cui ci è dato in sorte di vivere.

La messa in scena prende le mosse da quello che una volta si chiamava ‘teatro povero’ e colloca il racconto in un tempo sospeso in cui tutto è già accaduto e l’Inquisitore la Madre la Sorella la Fidanzata e la Vecchia Usuraia spingono Raskolnokov a ripercorrere la sua storia come non l’avesse mai davvero capita.

 

Spettacolo e Compagnia

La Compagnia Giovani di Studionovecento è un gruppo di giovani che pur non avendo fatto del teatro la loro professione dopo lunghi anni di preparazione portano avanti un’esplorazione delle possibilità odierne del teatro come ricerca personale e spazio di condivisione con altri di idee e storie al di fuori delle logiche del mercato.

Riduzione e adattamento e messa in scena di Marco M. Mernich
con la Compagnia Giovani di Studionovecento (Elisa Sini Bottelli, Tecla Pirovano, Flavia Mollica, CristinaVaciago, Giuliano Torquati, Alessandro Gentile)

 

 

INFO

•••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••
INGRESSO // NO_TICKET!
PRENOTAZIONE CONSIGLIATA >> https://goo.gl/forms/Fntk5wDjg5pFiFfv2
INIZIO SPETTACOLO h 21.00, durata: 1h
•••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••
Per l’ingresso è necessaria la sola tessera LatoB, che si può richiedere compilando il modulo online al seguente link ➔ http://www.pretesseramento.latobmilano.it/
Il costo della tessera è di 3 euro, il suo ritiro avverrà prima della serata e vi consentirà di accedere a tutte le attività dell’associazione e di usufruire dei beni della stessa fino alla fine dell’anno sociale (31 agosto).

Andrea Locatelli
Direttivo Lato B - associazione LaFreccia Studente di Visual Design - Grafica presso la Scuola Civica "Arte e Messaggio" del Comune di Milano

related articles

Eventi @Lato B

logo-banner-down Il LATO B è uno spazio indipendente di socialità, musica, cultura, politica e diritti. .